Come testare un relay con un multimetro?

Le relazioni sono componenti elettriche essenziali utilizzate nelle automobili, nelle biciclette, nei sistemi di automazione a domicilio, negli elettrodomestici e in una varietà di altre applicazioni per cambiare i circuiti ad alta potenza. I relati, in quanto dispositivi elettromeccanici, sono propensi all’usura (come gli interscambi di contatto tra i contatti) e alla fine diventano danneggiati o difettosi.

Che cos’è un Relay?
Un relay è un tipo di interscambio elettromagnetico. E’ costituito da una bobina, da un armamento e da alcuni contatti. Quando un segnale a bassa tensione (e a bassa corrente) viene applicato su tutta la bobina, si trasforma in un elettromagneto e tira l’armatura verso se stessa. Di conseguenza, l’armatura alterna tra i contatti. Quando la tensione attraverso la bobina viene eliminata, la bobina de-energe e smette di essere un elettromagneto. L’armatura ritorna all’altro contatto.

Dove si usa Relais?
Comprendere gli aspetti fisici e meccanici di un relato è utile, ma non vi aiuterà molto se non sapete come e dove utilizzarli. Si pensi ad una semplice applicazione nella sua automobile, come i fari d’ Durante la sera e la notte, picchiate o girete un switch vicino al volante della vostra automobile per allattare i fari.

A quanto pare, si tratta di una semplice applicazione e di un circuito. Tuttavia, se guardiamo un po’ più in profondità, possiamo vedere come le relazioni possano essere utili in questi scenari. I fari principali della macchina sono dispositivi ad alta potenza che consumano energia da 55 a 100 W o più. Il computer dell’automobile, che è responsabile della lettura del pulsante di allarme e della fornitura di energia ai lampadini, non può farlo direttamente.


Illustrazione di circuito

Prima di esaminare il circuito per l’esempio precedente, dobbiamo innanzi tutto comprendere alcune importanti specifiche di collegamento. La tensione bassa che attraversa i bobini viene prima. Di solito chiamiamo i relati “5V Relay” o “12V Relay”. Ciò significa che la bobina di collegamento richiede che 5V o 12V siano energizzati e diventino elettromagneti.


La tensione e la corrente ad alta intensità di carico sono le seguenti (a terminali COM, NC e NO). I relati sono tipicamente valutati per voltaggi e correnti AC o DC (o talvolta entrambi). Un relato tipico 12V avrà un rating di 10A – 125VAC, 7A – 250VAC, o 10A 30VDC. Queste valutazioni rappresentano i voltaggi massimi che possono essere applicati ai terminali del relato.

Come testare un relay?

La precedente spiegazione chiarisce che i relati sono dispositivi elettronici estremamente importanti che consentono a dispositivi a bassa potenza, come i microcontrollatori, di controllare i dispositivi ad alta potenza. Poiché i relati sono dispositivi meccanici, possono fallire nel tempo, è quindi fondamentale verificare se un relato funziona correttamente. Se smette di funzionare, dobbiamo immediatamente sostituirla con una nuova.

Ma come si pone un relay attraverso i suoi passi? Esistono diversi metodi per determinare se un relato funziona correttamente o meno. Esamineremo alcuni modi diversi per testare un relay e, cosa più importante, impareremo a testare un relay con un multimetro.



Come si verifica un collegamento utilizzando un’ alimentazione DC?

Con il primo metodo, accenderemo e spegneremo semplicemente la ruota di collegamento per vedere se l’armatura si sposta tra i due terminali. Supponendo un relato 12V, utilizzi un interscambio per collegare i terminali della bobina a un’ alimentazione continua 12V o a una batteria.

Quando chiudiamo il pulsante, il circuito viene completato e la bobina viene attivata. Ciò dovrebbe indurre il passaggio dell’armatura alla posizione normalmente aperta. Se ribaltiamo il pulsante, l’armatura deve tornare alla posizione normalmente chiusa.

Poiché è facile accedere a una batteria 12V, si tratta di un metodo semplice per testare i relati, in particolare quelli automobilistici.



Come testare un relay con un circuito?
Per il metodo successivo, costruiremo un piccolo circuito utilizzando componenti semplici e verificheremo se il relato funziona o meno. Questo metodo è utile per i relati utilizzati nei circuiti e nei PCB, ma possiamo anche testare i relati automobilistici.
Ancora una volta, presumendo un relato 12V, se forniamo 5V alla base del transistor, esso si allumina e attiva la bobina. Se il relato funziona correttamente, i contatti con l’armatura cambiano posizione e allumano la LED.

Come usare un multimetro per testare un relato?

Infine, esamineremo come utilizzare un multimetro per testare un relay. Questo è uno dei metodi più semplici per testare un relay. Rimuovere il relato dal circuito o dal veicolo. Scelga la misura della resistenza sul multimetro (Ohmmeter). Se lei ha un multimetro manuale, fissi il limite minimo (200 o un valore simile).

Collegare le direttrici del multimetro attraverso i terminali di bobina del relato. Il multimetro deve essere letto tra 40 e 120 per una bobina normale. Se la bobina è danneggiata, cioè aperta, il metro è fuori dalla portata e il relato deve essere sostituito.

Conclusione

Una guida per l’iniziatore sulle relazioni, che include ciò che c’è all’interno di un relato, come funziona e dove le relazioni possono essere utili. I relati, come qualsiasi dispositivo meccanico, sono suscettibili di fallire. Possiamo facilmente testare un relato utilizzando una varietà di tecniche per determinare se è operativo o meno.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *